X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

DPCM 8 MARZO 2020

A tutti i cittadini del Comune di Capranica.

Quello che stiamo vivendo è un momento delicato. Le nuove misure adottate spostano sicuramente i nostri equilibri quotidiani e le nostre esigenze. Non siamo abituati alle emergenze e a questo clima di incertezza. Quelle che verranno saranno settimane impegnative, ma affrontiamole con lo spirito giusto, quello con cui si affronta una fase transitoria dalla quale ci auguriamo tutti di uscire il prima possibile.

Ormai da settimane sul nostro territorio è in atto una generale mobilitazione e, in accordo tra Comuni, Sanità, Protezioni Civili, squadre di volontari e tutti i soggetti coinvolti stiamo lavorando per contenere i contagi e garantire il miglior funzionamento possibile dei protocolli di sicurezza. Dobbiamo farlo tutti perché in questa fase garantire il lavoro della sanità è la massima priorità, e per farlo dobbiamo collaborare tutti evitando di creare attriti o divulgare informazioni non corrette che, in questa fase, non solo non sono utili ma diventano addirittura controproducenti.

Quello che chiediamo ad i cittadini è la massima osservanza delle disposizioni previste dal ministero per contenere la diffusione dei contagi.

In questi giorni a tutti i comuni è arrivata una comunicazione che spiega le misure operative da mettere in atto o preparare per la gestione dell’emergenza a livello comunale. Questa mattina, dopo aver fatto una verifica delle 648 persone anziane ultra settantacinquenni alle quali ricordiamo di evitare gli spostamenti e a cui tutti dobbiamo porre la massima attenzione (lo stesso vale per persone fragili e con patologie), soprattutto se siamo a conoscenza dei casi di persone sole per le quali il Comune sta attivando i servizi è arrivato un ulteriore decreto che dispone nuove misure per il contenimento dei contagi.

 

Alleghiamo una sintesi del decreto DPCM 2020.03.08:

 

SPOSTAMENTI NUOVA MISURA

Divieto di ingresso e di uscita dalla Regione Lombardia e dalle Provincie di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Vercelli, Novara, Verbano Cusio Ossola e Alessandria. Chi non rispetti i limiti agli spostamenti e le nuove misure per fronteggiare il coronavirus disposte in Lombardia e nelle altre  province può essere punito con l'arresto fino a 3 mesi e fino 206 euro di ammenda.

 

QUARANTENA

Divieto assoluto di mobilità per chi sia stato in quarantena.

 

SCUOLE

Le lezioni in tutte le scuole di ogni ordine e grado, comprese le attività didattiche connesse come gite e uscite formative sono sospese fino al 15 marzo. Dove possibile la dirigenza è invitata a programmare una attività didattica a distanza e prevedere le modalità di recupero.

 

ANZIANI

Si raccomanda a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multi-morbilità, di evitare di uscire dalla propria abitazione fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati.

 

CITTADINI NUOVA NUOVA MISURA

Si raccomanda a tutti i cittadini di limitare gli spostamenti ai casi strettamente necessari.  

 

COMPETIZIONI SPORTIVE

Le competizioni sportive e gli allenamenti agonistici sono sospese fino al 15 marzo, a meno che siano svolte all'interno di strutture sportive chiuse o all'aperto in assenza di pubblico e purché venga rispettata la distanza interpersonale di 1 metro .

 

EVENTI E MANIFESTAZIONI NUOVA NUOVA MISURA

Sospese manifestazioni, eventi, spettacoli di qualsiasi natura, compresi quelli cinematografici e teatrali, in qualsiasi luogo, pubblico o privato. Nonché le attività di discoteche, sale giochi, sale da ballo, Pub, Bingo e locali assimilati. Sospesa l'apertura dei musei e degli altri istituti di cultura.

 

ESERCIZI COMMERCIALI NUOVA NUOVA MISURA

È raccomandato che il gestore garantisca l’adozione di misure tali da evitare gli assembramenti di persone nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i clienti. Si raccomanda di mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per il lavaggio delle mani.

 

BAR E RISTORANTI NUOVA MISURA

Bar e ristoranti potranno rimanere aperti ma con l'obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Si raccomanda di mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per il lavaggio delle mani. In caso di mancata osservanza saranno applicate le sanzioni. 

 

CERIMONIE NUOVA MISURA

Sono sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri. L’apertura dei luoghi di culto è subordinata alle misure organizzative in grado di rispettare le distanze interpersonali di almeno un metro.

 

SOSPESI I CONGEDI PER MEDICI E INFERMIERI

Medici in prima linea: sono sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico, nonché del personale le cui attività siano necessarie a gestire le attività richieste dalle unità di crisi costituite a livello regionale.

 

VISITATORI STRUTTURE OSPEDALIERE

L'accesso di parenti e visitatori alle strutture ospedaliere è limitato solo ad alcuni casi. Mentre è vietato gli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso.

 

AFFOLLAMENTO SALE D’ATTESA E PRONTO SOCCORSO

Agli accompagnatori dei pazienti si raccomanda di non permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e del pronto soccorso (DEA/PS), salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto.

 

VISITE ALL'INTERNO DI STRUTTURE DI OSPITALITÀ A LUNGA DEGENZA

L’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lunga degenza, residenze sanitarie assistite (RSA) e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è da evitare ad eccezione dei casi espressamente indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

 

FERIE RACCOMANDATE NUOVA MISURA

Qualora sia possibile si raccomanda ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodi di congedo ordinario e ferie.

 

Soggiorni in ZONE A RISCHIO:

Chiunque, negli ultimi 15 giorni, abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico o abbia sostato in uno delle Provincie della “zona rossa” deve comunicare tale circostanza alla ASL nonché al proprio medico di medicina generale, che adotterà le procedure necessarie previste e informerà sulle misure da intraprendere.

 

In base a queste nuove misure, per garantire maggior tutela e sicurezza in questo periodo, comunichiamo che:

  • È vietato l’utilizzo del campetto di Via Aldo Moro;
  • È vietato l’utilizzo del campetto del Colle del Petrarca;
  • Nei parchi pubblici comunali è fatto obbligo di rispettare le distanze interpersonali;

Si raccomanda a tutti di seguire le disposizioni e di farsi portavoce con gli altri concittadini in caso di osservazione di comportamenti non corretti, per la propria salute e quella degli altri.

 

DPCM 8 MARZO 2020

 

 

Ultimo aggiornamento: 12/03/2020 - 10:09
Comune di Capranica C.so Francesco Petrarca, 40 - CAP 01012 - tel. 0761.667900 - fax 0761.667932 PEC: comunedicapranica@legalmail.it
Realizzato con Simpleditor 1.7.5